Overlay Kubeitalia
Come riconoscere un sito web di qualità?
Aumenta la visibilità
13 Settembre 2021

Come riconoscere un sito web di qualità?

Ecco cosa controllare per poter capire se il tuo sito web è stato sviluppato da una persona competente

Chi ci conosce lo sa. Teniamo parecchio all’acquisizione di clienti consapevoli e proviamo un immenso piacere nel consegnare loro un sito fatto bene. Ecco perché attraverso questo articolo, vogliamo guidarti verso l’autovalutazione del tuo.

Quali rischi comporta un sito fatto male?

Per prima cosa riteniamo opportuno informarti circa i rischi che corri nel caso in cui il tuo sito non sia stato sviluppato correttamente:

1- impossibilità di elaborare una strategia SEO efficace e degna di nota;

2- fallimento nel raggiungere lo scopo per il quale lo hai creato;

3- hackerabilità e/o gestione da parte di terzi.

Quali caratteristiche deve possedere un sito fatto bene?

Una regola ben precisa o se vogliamo, una risposta univoca, non esiste. Tuttavia è possibile analizzare un insieme di fattori e da questi, capire se un sito è fatto bene o meno. Di seguito trovi le 7 caratteristiche che deve possedere per potersi dire “sito web di qualità”.

#certificato SSL

L’ SSL è  un certificato criptato che garantisce la sicurezza del tuo sito web e rassicura gli utenti circa l’esistenza di un proprietario verificato e affidabile.

Non a caso, anche Google in SERP premia i siti sicuri!

Se sul tuo sito questo certificato è installato, il protocollo di connessione è HTTPS e compare il lucchetto nella barra di navigazione del browser.

 

#CMS sicuro e robusto

Il CMS (Content Management System),  è un gestore di contenuti ovvero un’applicazione web che consente di creare, amministrare e pubblicare contenuti (immagini, video, testi, prodotti) su un sito.

Il primo fra tutti, inutile dirlo, è WordPress.  Nato, per rispondere all’entusiasmo di chi voleva fare blogging, in soli 15 anni il suo stato si è elevato da concorrente a quello di leader mondiale incontestato dei CMS!

Seguono poi Magento, assai utile per sviluppare eCommerce potenti e di grandi dimensioni poiché possiede funzioni diverse per la creazione di cataloghi prodotti  che includono strumenti avanzati per la gestione dei prezzi e Joomla. Quest’ultimo funziona bene, tuttavia è poco intuitivo, presenta limitazioni nell’interfaccia backend e possiede plugin meno performanti rispetto a quelli di WordPress.

#non utilizzare template

I template o page buldier sono le strutture (o file) base sulle quali vengono realizzati i siti web, dei formati che includono parte delle funzionalità del sito web e soprattutto danno loro la “vesta grafica”.

Le ragioni per le quali questi page builder di WordPress godono di una certa popolarità sono:

1- semplicità d’uso (permettono anche ai web developer più inesperti di realizzare un sito web);

2- ampia gamma di funzionalità (purtroppo, anche quelle di cui non hai bisogno!);

3- prezzo economico.

Essendo dei “modelli” hanno 2 limiti: il peso e la personalizzazione.

Devi sapere che, i template, proprio per essere adattabili e usufruibili da chiunque, contengono file di codice e griglie di CSS a te inutile, che appesantiscono il tuo sito.

Il peso, influisce a sua volta sulla velocità: un problema tutt’altro che banale, in quanto Google penalizza i siti lenti.

Per quanto riguarda la personalizzazione invece, quella che “spacciano” i page buldier è assai apparente… Un sito fatto con template può infatti essere modificato e personalizzato solo nella misura in cui il template stesso lo permette.

Ecco perché, ti consigliamo di diffidare dai siti interamente realizzati mediante i temi e di preferire piuttosto quelli scritti in codice puro.

I siti, i cui template sono acquistati, non sono cuciti sulle tue reali esigenze e raramente riescono a tenere conto degli aspetti chiave del progetto (a meno di agire a livello di programmazione, ma questo porterebbe a un conseguente aumento di costi).

#essere graficamente attraente e garantire una buona user experience

Per graficamente attraente intendiamo un sito “pulito”,  che possiede un’interfaccia semplice, libera da elementi grafici superflui. Ma soprattutto coerente con lo scopo per il quale esiste. E’ una caratteristica importante che contribuisce a trasmettere fiducia.

Oltre ad essere bello visivamente,  un sito di qualità deve riuscire a guidare l’utente all’interno della pagina, indicandogli con chiarezza e precisione dove può trovare ciò che cerca esclusivamente servendosi dell’interfaccia.

#versione mobile friendly

Cosa vuol dire mobile friendly? Significa che un sito internet non deve essere semplicemente visibile, ma deve adattarsi agli schermi dei dispositivi mobili.

Deve cioè garantire una buona esperienza di usabilità e navigazione anche agli utenti che non si collegano da desktop ma da smartphone, tablet e notebook.

#Privacy e Cookie Policy

Siamo sicuri che ne hai già sentito parlare.

Con la Privacy Policy  legge impone che sui siti web sia ben leggibile e ben scritta la politica sulla privacy adottata dagli stessi, in cui sono indicati chiaramente quali dati vengono chiesti, per quale utilizzo e chi ne è responsabile.

La cookie policy è invece quella parte della privacy policy dedicata ai cookie. I cookie sono quegli strumenti in grado di tracciare il comportamento degli utenti.

Privacy e Cookie policy sono fondamentali per non rischiare pesanti sanzioni.  Una volta integrata, la policy deve essere raggiungibile da ogni pagina del sito.

#ottimizzazione per i motori di ricerca

Un sito web di qualità è ottimizzato per i motori di ricerca.  É un sito indicizzato, posizionato, progettato per rispondere sia alle esigenze dell’utente, che a quelle dell’azienda.

E’ un sito che grazio a interventi SEO (Search Engine Optimization) compare tra i risultati di ricerca di Google e non delude il suo proprietario circa la visibilità attesa.

Per saperne di più leggi anche  “AAA Cercasi clienti? Con Local SEO di Kubeitalia ripopola la tua attività”.

Gli strumenti per capire se il tuo sito è fatto bene

caratteristiche sito fatto beneChiaramente, ciascuna delle caratteristiche sopra elencate va verificata mediante una moltitudine di specifici strumenti, alcuni dei quali possono essere anche a pagamento.

Oltretutto, può anche accadere, che un sito sia “tendenzialmente di qualità”. In quel caso, gli interventi necessari sono quelli tesi a migliorarne la potenzialità o l’aspetto.

Insomma, ricavare velocemente informazioni utili per apportare le relative modifiche non è semplice ed immediato.

Per fortuna però, c’è chi può farlo per te. Grazie a Kube Italia, puoi conoscere lo stato di salute del tuo sito e tutti gli interventi necessari per renderlo più performante e coerente con gli obiettivi che ti sei prefissato.

Che aspetti? Prenota un appuntamento telefonicamente o passa in agenzia e chiedi di Roberto: ti aiuterà in tempo reale a ottenere tutte le informazioni che desideri!

Pubblicato da Kubeitalia
Leggi gli altri articoli

Frasi Chiave